Logo
slide interna5

Ho un’amico Direttore di Banca che…

direttore-nulla-puo-piu-fareIl rapporto personale con il Direttore di Filiale o con il Gestore, ormai non basta più.

I rapporti tra imprenditore e banca vanno sempre più spersonalizzandosi, che ci piaccia o non ci piaccia, grazie alle nuove regole di Basilea 2 e Basilea 3.

 

direttore-nulla-puo-piu-fareIl rapporto personale con il Direttore di Filiale o con il Gestore, ormai non basta più.

I rapporti tra imprenditore e banca vanno sempre più spersonalizzandosi, che ci piaccia o non ci piaccia, grazie alle nuove regole di Basilea 2 e Basilea 3.

E questo sia perché queste figure ruotano con una rapidità impressionante a causa di molteplici riorganizzazioni interne e a causa di fusioni sia perché i sistemi informativi delle banche sono sempre più voraci di informazioni.

E i sistemi informativi sono alla base della catena decisionale, sia degli affidamenti che delle condizioni.

E come difendersi da queste mutate condizioni?   

Non bisogna lasciarsi ingannare dal vecchio modo di ragionare: il cosiddetto “amico” Direttore Bancario nulla può più fare per noi, oramai.

Ecco perché è indispensabile fornire alla banca un regolare flusso informativo:
bilanci, situazioni contabili intermedie almeno semestrali, budget annuali e, se possibile, previsionali a medio termine.

Ma anche descrizione degli organigrammi aziendali,  delle figure chiave, dei principali clienti e fornitori, delle vostre impressioni sulle prossime evoluzioni del mercato della vostra azienda.

Gli aspetti positivi di questo flusso di informazioni sono due:

1.    Pur cambiando il funzionario della banca, le informazioni restano presenti nella pratica di fido e sono subito utilizzabili per il rinnovo dei fidi;
2.    Si fornisce l’idea dell’organizzazione della propria azienda, che abbiamo il pieno controllo della situazione (contabile e non) e sappiamo bene come muoverci nel nostro mercato.

Sono assolutamente da concordate preventivamente:

a)    assegni emessi senza copertura,
b)    ritardi nei rientri di fidi temporanei,
c)    proroghe di crediti che causano insoluti ecc.

Ma è altrettanto indispensabile pretendere un corrispondente flusso informativo da parte della banca, per tenere sotto controllo:

1.    importo, scadenza e forma tecnica delle linee di credito,
2.    tassi e condizioni accessorie applicate
       a)    dimostrare che non siamo degli sprovveduti,
       b)    controllare gli estratti conto (anche le banche sbagliano, non fosse altro perché le loro procedure informatiche sono molto complesse/articolate e magari l'impiegato non è così preparato),
       c)    gestire al meglio conti correnti e i fidi in genere, evitando gli sconfinamenti, ed utilizzando le diverse banche con le quali operate, per i loro servizi meno cari e possibilmente più efficienti.

E' indubbiamente un lavoro molto impegnativo e tecnico che deve essere pianificato e svolto con costanza e professionalità sotto il diretto controllo dell'imprenditore e, ovviamente, con la collaborazione di un consulente specializzato.

Bruno Sodo - Redazione DiGiNews

  • CONTATTACI

    CONTATTACI

    Via Buonarroti 19 20082 BINASCO (MI) - Tel 02.899.26.755 - Fax 02.32066610

    Benvenuto nel sito del GRUPPO DIGI, qui potrai trovare i servizi che cerchi!

Iscriviti alla nostra Newsletter

Termini e condizioni captcha